Preventivi ristrutturazione on line. Come utilizzare al meglio internet.

Ristrutturare un appartamento a Torino

Stai pensando di ristrutturare casa? Ti sei imbattuto anche tu nelle centinaia di offerte di preventivi online che vengono proposte su internet?

Poiché opero da 30 anni a  Torino, parlerò soprattutto del mercato delle ristrutturazioni di appartamenti a Torino in quanto è il mercato che meglio conosco.

“Rifacimento bagno chiavi in mano a partire da 2500 euro”

Gridava lo slogan pubblicitario sulla fiancata dell’autobus che mi passava davanti.

Per un attimo ho provato a mettermi nei panni di Gianni, immaginando a cosa avrebbe pensato leggendo questo annuncio, dal momento che solo tre giorni prima avevamo ipotizzato un budget all’incirca sui 5500 euro per ristrutturare il suo bagno. (Gianni è un cliente di Torino  al quale sto dando consulenza per la ristrutturazione di casa.)

Il mio pensiero, in realtà. è andato verso tutti coloro che come Gianni sono in procinto di ristrutturare la propria casa e approcciandosi ad una ristrutturazione, si sentono nella confusione più totale, perché sembra che, per quanto riguarda i prezzi delle ristrutturazioni, non ci siano più certezze, o almeno valori di riferimento.

 

Preventivo ristrutturazione: la battaglia del prezzo.

Forse anche tu in questo momento ti starai chiedendo:

• Ma perché a parità di richieste di un preventivo di ristrutturazione trovo prezzi così diversi? A volte anche il doppio!

• Quante imprese ci sono nel mio paese?

• Quali sono le aziende davvero serie che non mi faranno un brutto scherzo e non mi riserveranno qualche sorpresa finale?

• Come faccio a sceglierla?

Già la vera domanda è come faccio a scegliere?

Il pericolo maggiore è che con tutte le offerte che circolano tra cartelloni e pubblicità varie non ci si riesca veramente a fidare di nessuno e così un bel giorno ci si affida al caro buon vecchio Calogero Spaccamuro che ha sistemato l’infiltrazione sul balcone di tua zia, che dice di essersi trovata tanto bene!

Non sei convinto o non hai ancora iniziato a pensarci?

Prova a digitare “preventivo ristrutturazione” su Google e ti compariranno decine di pagine di risultati.

Dopo che avrai aperto le prime 20 o 30 pagine prova a farti un quadro chiaro della situazione, vedrai che mi darai ragione.

Vuoi sapere perchè tutti si offrono di ristrutturare la tua casa?

Ma perché in un momento come questo, in cui il numero di ristrutturazioni è ai massimi livelli grazie agli incentivi statali, grazie al fatto che la maggior parte degli immobili che sono stati costruiti negli anni 70 80 sono tutti da ristrutturare ci sono tantissime offerte online di preventivi per una ristrutturazione?

C’è tantissimo lavoro, per cui perché gli artigiani e le imprese hanno la necessità di fare questa battaglia ad abbassare i prezzi, ehm… volevo dire a dare questa percezione, al punto da arrivare a non essere neppure più credibili?

Non ti do una risposta diretta perché non vorrei offendere nessuno ma vorrei offrirti un dato con cui potrai arrivarci facilmente.

Conosco artigiani edili che hanno un programma di lavoro per i prossimi due anni e se dovessi chiedergli di farti la ristrutturazione di casa ti risponderebbero:

“Non è per tirarmela, ma ho clienti che non mi mollano più e sono disposti a pagarmi qualunque cifra pur di non perdermi.”

 

Credo che la risposta al perché ci sono migliaia di imprese-artigiani che pur di mettere piede in casa tua sono disposte anche a rimetterci o a lavorare gratis è che:

La maggior parte devono cercare lavoro perchè i clienti che hanno servito fino ad ora li hanno persi e nessun cliente è disposto a referenziarli

Se hai già fatto in passato qualche esperienza di ristrutturazione, sai a cosa mi riferisco, sai quanto sia difficile trovare artigiani edili che non ti creano problemi, ma se sei alla tua prima esperienza forse non sei al corrente di tutti i pericoli che potresti incrociare sul tuo percorso.

Ti faccio un breve elenco:

  1. Terminare i lavori settimane o mesi dopo quanto era stato stabilito.
  2. Trascurare le rifiniture, le stuccature, le fughe.
  3. Scoprire dopo qualche mese perdite o infiltrazioni.
  4. Vedere i muri appena decorati che si crepano.
  5. Spifferi dai serramenti nuovi.
  6. Scarichi idraulici che si intasano senza motivo.

Potrei andare avanti per intere pagine ma non voglio uscire dal seminato.

Ora ti chiederai:

ma se non va bene affidarmi a Calogero Spaccamuro che è stato tanto bravo con la zia, non va bene cercare su internet, e quelli bravi sono già tutti impegnati per i prossimi anni, allora cosa devo fare?

Cosa NON DEVI fare prima di ristrutturare la tua casa

Inizio col dirti quello che secondo me  NON DEVI fare:

• Non basare la tua scelta solo in base al prezzo, e questo vale anche per il prezzo più alto, infatti  non credere che quello che ti fa il prezzo più caro sia anche il migliore.

• Non farti fare un preventivo senza sapere esattamente quali interventi devi fare.

• Non affidarti ai portali dove fanno incontrare domanda e offerta.

 

Preventivo ristrutturazione online:  5 consigli utili

Se non hai nessun professionista esperto che ti affianca nella ricerca, ti propongo un paio di consigli pratici che ti permetteranno di fare una prima scrematura:

• Fai una ricerca mirata, indicando luogo e tipo di intervento.

• Non fermarti alla prima pagina, lì troverai solo quelli che pagano per esserci, i migliori professionisti o imprese spesso sono umili, utilizzano internet per poter far vedere quello che fanno, non quanto sono fichi o economici.

• Seleziona solo quelli che hanno un loro sito personale.

• Verifica dal loro sito che tipi di lavori fanno.

• Guarda se hanno testimonianze di clienti veri che hanno già usufruito dei loro servizi.

Evita i generalisti, se devi ristrutturare un appartamento, quelli che rifanno anche tetti e facciate forse non fanno proprio al caso tuo.

 

Spero di averti dato qualche spunto di riflessione, ma voglio ricordati (non mi stancherò mai di dirlo, a costo di farmi odiare) che in ogni caso prima di cercare l’impresa, DEVI AVERE CHIARO COSA VUOI FARE!

Lo dico anche a beneficio di quelle imprese edili artigianali che ormai passano la metà del loro tempo a fare il 99% di preventivi pressoché inutili in quanto  non andranno mai a buon fine solo perché non c’è chiarezza di idee dei committenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *